Storia della Parrocchia

La nuova parrocchia è stata istituita il 28 agosto 2012 ufficialmente, quando il Comune di Roma Capitale con la delibera n° 251 dell’8 agosto 2012 ha definitivamente assegnato al Vicariato di Roma l’area di circa 8.000 mq, alla confluenza di Via Micali con Via Bazzini.

Prima del riconoscimento ufficiale c’era un nucleo storico chiamato “Comunità delle Beatitudini” che, in nome della fede e della religiosità popolare, per più di vent’anni ha presidiato questo territorio in un piccolo prefabbricato e altare all’aperto, organizzato e lavorato dai parrocchiani del posto con il loro duro lavoro manuale, garantendo così almeno la messa domenicale.

Per la storia delle origini dobbiamo risalire al 30 marzo 1990, quando Vittorio Fioravanti dona circa quattro ettari e mezzo di terreno su Via Micali, 213, per fini di culto e di beneficenza. Su quest’area don Plinio Poncina, allora parroco di San Tommaso apostolo all’Infernetto (oggi parroco di S.M. Stella Maris di Ostia Lido), mobilita i residenti che si prodigano nel creare questa struttura per accogliere i fedeli per la Celebrazione Eucaristica domenicale.

Si aggiungeranno un prefabbricato per l’inverno e un altro prefabbricato per accogliere delle suore messicane che si sarebbero impegnate nella catechesi.

Il 4 febbraio 2006 dopo un incontro con il parroco di Sant’Aurea di Ostia Antica, competente allora per garantire il culto, inizia l’iter amministrativo per identificare l’area più appropriata per l’edificazione della futura chiesa, che avverrà dopo non poche difficoltà con l’inaugurazione il 25 giugno del 2017, da Sua Em.za il Vicario di Roma Card. Agostino Vallini.

Ora abbiamo una bella chiesa in legno, progettata dall’arch. Alberto Statuti, vanto e orgoglio della nostra comunità di Stagni, e un grande spazio che abbiamo occupato con attrezzi per giochi per i bambini, un campo di calcio e ampi parcheggi. Dobbiamo ancora sistemare il resto del terreno, ma considerando che siamo stati veloci in un anno, cercheremo di facilitare con un tempo accettabile la sistemazione di tutta l’area.

Dopo poco più di un anno siamo una comunità in crescita con formazione ai sacramenti della fede e servizi vari che garantiscono (è il nostro augurio e impegno) un’aggregazione in un territorio in espansione, ma ancora senza quella necessaria identità di quartiere.

 

 Don Salvatore Tanzillo

parroco